Articles for the Month of February 2016

Recensione del film Boiler Room

Quando si è giovani non si hanno in mente moltissime cose, ma sicuramente si cerca sempre di dare li proprio meglio per raggiungere gli obbiettivi che si sono prefissati. In questo caso il protagonista del film Giovanni Ribisi interpreta la parte al suo meglio dopo i successi di “Fuori in 60 Secondi ed anche del film “Gli Infiltrati,” punta tutto sul suo talento per poter eccellere in un mondo complesso e competitivo per dare soddisfazione e suo padre e per diventare ricco.

Riassunto

Un giovanissimo Seth Davis è alla ricerca di solo due cose nella sua esistenza, prima di tutto la soddisfazione e la stima di suo padre ed in secondo piano 1 milione di dollari. Il ragazzo una volta abbandonato il college e non trovando successi tra i giochi clandestini decide di punto in bianco di fare un tentativo nella Boiler Room presso la J.T. Marlin, si tratta dell’unica società di brokeraggio che gli darà la possibilità di tentare una rapida ascesa al successo. Un successo che sembra arrivare in modo semplice in principio, il giovane si trova a suo agio in giacca e cravatta e continua a lavorare giorno e notte senza sosta. I soldi piovono sempre più in fretta e il numero dei clienti importanti aumenta. Frequenta i suoi colleghi più affermati e la bella Abby che lavora alla reception della società. Mentre la sua scesa continua inizia a porsi domande che in fine possono nuocere al suo mestiere.

Conclusioni

Il regista di questo film è Ben Younger ai tempi di soli 27 anni, si tratta di un film molto vivido ed interessante sul mondo delle frodi su scala enorme nella società americana moderna. Un’analisi molto particolareggiata su di una generazione che ha dedicato tutta la sua vita ai soldi ed ai modi per poterne fare il più possibile nel minor tempo possibile. Un mondo nascosto che è stato violato proprio dalla curiosità del regista. Ovviamente prima di mettere in piedi un film con una tematica così scottante, Younger si è informato in modo complesso e completo a riguardo anche prendendo spunto ed informazioni direttamente da persone che vivono in n mondo come questo (restate ovviamente tutte nell’anonimato). Un mondo che gira sui soldi e che non ha altro dio al di fuori del denaro viene sviscerato in modo dissacrante da questa pellicola.